INSEGNE ANTICHE
__
GLI ARTISTI

 

Romano CAMPAGNOLI
1934

Allievo di Italo Cremona all’Accademia Albertina di Torino, ha tenuto corsi di Tecniche Grafiche Speciali nella stessa Accademia e diretto il Primo Liceo Artistico di Torino. Come pittore ha prediletto il tema degli elementi naturali: acqua, fuoco, terra, aria, luce e colore. Come incisore ha sempre messo in mostra un sapiente impiego di una ampia selezione di tecniche miste, dalla punta secca all’acquaforte, all’acquatinta, opere realizzate su matrici di zinco, con sperimentazioni anche su lastre di plexiglass. Il variato nucleo di temi affrontati da Campagnoli nei due ambiti, pittorico e grafico, appare nello stesso tempo unitario, ma anche reciprocamente provvisto di una vita, per quanto comune e parallela, di fatto autonoma.


Mauro Chessa
1933

Mauro Chessa Ë nato nel 1933 a Torino, dove vive e lavora. Studia pittura all'Accademia Albertina con Menzio e Calandri, e comincia ad esporre nel 1954 partecipando ad "Undici giovani pittori di Torino". Come altri della sua generazione esordisce alla Biennale di Venezia, dove espone nel '56 e poi nel '58. Dopo un inizio improntato al realismo esistenziale, da cui si distacca dopo alcuni anni, per una visione influenzata dalla ìpittura informaleî e dall'action painting (soprattutto per l'uso espressivo della materia pittorica), Chessa torna ad una dimensione pi˘ scopertamente figurativa che allíinizio risente dell'influenza di Francis Bacon, per poi svilupparsi in una sua visione personale.


Daphne MAUGHAM
1897-1982

Nipote dello scrittore inglese Somerset Maugham, nasce nel 1897. Inizia a studiare pittura in Francia seguendo le lezioni dei Nabis all'Acadèmie Ranson, dell’espressionista polacca Mela Mutter nel suo atelier parigino e del cubista André Lhote all'Acadèmie Notre Dame des Champs.
Nel 1914 alla Galerie Druet di Parigi e nel 1921 una sua opera è accettata al Salon d'Automne; l'anno successivo, ritornata a Londra, si diploma presso la prestigiosa Slade School of Art.
Arriva a Torino e inizia a studiare pittura presso la scuola di Felice Casorati. Espone alla Promotrice torinese e partecipa per la prima volta alla Biennale di Venezia. Con Casorati ed alcuni suoi allievi presenta i suoi lavori alla Galleria Milano e alla Galleria Pesaro poi, nel 1930, alla Galleria Valle di Genova e alla International Exhibition del Carnegie Institute di Pittsburgh. Si sposa con il suo maestro di pittura e dà alla luce Francesco. E’ impegnata in numerose esposizioni pubbliche di prestigio internazionale; le sue opere ricevono riconoscimenti dalla critica e dal pubblico di Pittsburgh, È presente assiduamente alle Quadriennali Milano, Parigi (premiata alla mostra internazionale), Genova, Venezia. Nel 1941 molti suoi lavori vengono distrutti durante l'incendio che devasta il suo atelier in via Mazzini a Torino. Gli anni Quaranta, Cinquanta e Sessanta sono contrassegnati da numerosi appuntamenti che vedono la pittrice impegnata in numerose collettive di grande rilievo.



Eso PELUZZI
1894 -1985

Figlio di Giuseppe, abile liutaio, e di Placida Rodino frequenta le scuole tecniche e, nel 1911, si iscrive all’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino. Intelligentissimo umorista, attore nato, sarcastico, a volte addirittura caustico, espone le sue prime opere in collettive e personali e, dal 1926 al 1948, partecipa alle Biennali di Venezia e alle Quadriennali di Roma. Nel 1942 un bombardamento gli distrugge lo studio di Savona dove “perdono la vita? oltre 200 opere. Negli ultimi anni si stabilì definitivamente a Monchiero nelle Langhe.



Francesco TABUSSO
1930 -2012

Nato a Sesto San Giovanni, consegue la Maturità Classica al Liceo Rosmini di Torino; successivamente ha frequentato, dal 1949 al 1954, lo studio di Felice Casorati: "Casorati mi insegnò a dipingere con metodicità, ad essere un pittore che dipinge come un artigiano...Io penso che da Casorati ho appreso non solo a dipingere, ma anche a vivere da pittore". A soli 24 anni era tra gli invitati alla Biennale di Venezia, mentre nel 1955 è presente all'Unione Culturale insieme a Francesco Casorati, Mauro Chessa e Nino Aimone, che con Ruggeri, Saroni, Campagnoli, Fico e Soffiantino ha percorso con profonda amicizia una sorprendente avventura artistica.



Mario CALANDRI
1914-1993

Si forma presso il Liceo artistico di Firenze e di Torino. Nel 1932 frequenta l'Accademia di Belle Arti di Torino alla scuola di Cesare Maggi. Al termine degli studi diventa suo assistente. In quel periodo sono i primi esordi come pittore, espone a Roma e a Venezia, dove, nel 1940, partecipa per la prima volta alla Biennale. Nel dopoguerra Calandri diventa assistente di Marcello Boglione, titolare della Cattedra di tecniche dell'Incisione presso l' Accademia Albertina di Torino cui succede come incaricato nel 1957 fino al 1960. Mario Calandri è considerato uno dei massimi incisori del XX secolo e si colloca nell'olimpo degli artisti specializzati nella grafica.
L'artista torinese è stato anche un pittore di ottima qualità, capace di effettuare sostanziosi scambi artistici tra l'incisione e la pittura modulando ed influenzando, ora nell'uno ora nell'altro, invenzioni ed emozioni. Calandri come incisore ha partecipato alle più importanti rassegne nazionali e internazionali ed ha esposto in numerose mostre personali. Grandissima è stata l'attenzione sull'artista anche dopo la morte, a testimonianza di ciò, le molte retrospettive che sono state presentate nell'ultimo decennio.

Francesco CASORATI
1934-2013

Figlio dei pittori Felice Casorati e Daphne Maugham, segue anche lui la strada dei genitori e dipinge già a 15 anni. Suo padre, uno dei più grandi pittori del secolo scorso, trasmette la sua passione al figlio. Passione che lo accompagnerà per tutta la vita, fino agli ultimi istanti. “Ha dipinto fino a pochi giorni fa facendo delle opere a mio avviso bellissime e diverse dal suo solito - dice ancora la moglie -. Diverse nelle forme e anche nei colori, non più così forti e sicuri, ma più pallidi, chiari, più meditati?. Un dono quello di Francesco che sfocia nella prima mostra allestita a Milano già nel 1954, quando era appena ventenne. Nel suo curriculum figurano anche quei 24 anni passati ad insegnare all'Accademia Albertina di Torino.


Piero MARTINA
1912 -1982

Esponente di spicco della cosiddetta generazione di mezzo nonchè docente all’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino a partire dal 1970 e direttore della stessa dal 1973 al 1978. Ha esposto alla Biennale di Venezia nel 1962 le grandi tele appartenenti ai cicli Nudi nella vigna e Nudi distesi, ci ricorda il periodo compositivo governato dalle pregnanti stratificazioni materiche e cromatiche, compreso tra i primi anni Sessanta e il decennio successivo. Stringe legami di amicizia con il pittore Francesco Tabusso. Collabora all’allestimento degli spettacoli teatrali Nozze di sangue di Garcia Lorca e Woyzeck di Buchner e con Carlo Levi, che lo presenta nel 1938 alla sua prima personale a Genova. Martina e Carlo Mollino, lo studio dell’artista diviene l’ambientazione ideale per una serie di scatti del celebre fotografo ed architetto.



Enrico PAULUCCI
1901 -1999

Nato a Genova dalla Liguria si trasferisce a Torino dove compie gli studi classici e si laurea in scienze economiche e in legge. Coltiva una precoce inclinazione alla pittura. Aderisce al Futurismo e dal 1927 stringe rapporti con alcuni tra i più interessanti artisti attivi a Torino (come Casorati, Bozzetti, Chessa, Levi, Menzio, Spazzapan). Nel 1928 soggiorna a Parigi accedendo allo studio diretto del grande corso pittorico francese: l’Impressionismo e i suoi sviluppi ancora poco noti in Italia di Picasso, Matisse, Dufy, Braque. Di nuovo nel capoluogo piemontese, assieme a Chessa, Galante, Levi e Jesse Boswell, allieva di Felice Casorati, costituisce il Gruppo dei Sei (1929). Questi pittori guardano alla pittura francese postimpressionista (Cèzanne, Derain, Matisse, Bonnard, Dufy). Paulucci, che si ispira ai Fauves quanto a colorismo. A Torino con Felice Casorati fonda lo Studio Casorati-Paulucci. Le sue opere sono esposte in importanti musei nazionali ed europei.


Giorgio RAMELLA
1939

Compiuti gli studi classici, frequenta l’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino dove segue il corso di pittura di Enrico Paulucci e di tecniche incisorie di Mario Calandri. L’esordio sulla scena artistica torinese è negli anni Sessanta con un’esposizione alla Galleria La Bussola insieme a Ruggeri, Saroni, Soffiantino e Gastini; nella stessa galleria allestisce la prima mostra personale nel maggio del 1964. Dal 1965 al 1970 riceve numerosi premi esponendo a Milano, Venezia e alla Promotrice delle Belle Arti di Torino. Nel 1970 è presente ad importanti esposizioni a Ginevra, Parigi e Bruxelles. Nel 1994 una sua grande Crocifissione, esposta nel Convento di San Bernardino di Ivrea è acquistata dalla Fondazione De Fornaris per la GAM di Torino. Tra il 1994 e il 2000 l’artista lavora, dopo un viaggio negli Stati Uniti, ai Graffiti che espone alla Maze Art Gallery di Torino e al Castello di Barolo, e alla Galerie Unter Turm di Stoccarda e al Musèe Dèpartemental de la Prèhistoire a Solutrè. Nel 2001 alla Galleria La Nuova Gissi di Torino, espone il ciclo dedicato a Vincent Van Gogh, che successivamente porta a Lione e al Centre Le Polaris di Corbas. Nel 2003 la Regione Piemonte dedica a Giorgio Ramella una retrospettiva al Convento dei Cappuccini di Caraglio.


Carlo TERZOLO
1907

Pittore di saldissima tecnica tradizionale, eminentemente paesaggista, dai primi quadri degli anni Venti ha sviluppato una personalissima ricerca che lo ha portato negli anni Sessanta a risultati in sorprendente sintonia con le esperienze dell’iperrealismo. Nato nella campagna piemontese, si trasferì giovanissimo a Torino per frequentare l’Accademia di Belle Arti , dove poi tornò come apprezzato maestro delle nuove generazioni. Fondamentali nella sua formazione i viaggi in Toscana e soprattutto a Siena dove studia i primitivi identificando in Ambrogio Lorenzetti (si conserva una sua straordinaria copia di un particolare del Buon Governo) il suo stabile punto di riferimento. Altrettanto fondamentali i classici pellegrinaggi a Parigi, con stimolanti frequentazioni di Prampolini, DePisis, Savini. Innumerevoli le sue presenze alla Biennale di Venezia, alla Quadriennale di Roma e alla Triennale di Milano. Un cospicuo numero di sue opere è presente alla GAM di Torino e altre importanti collezioni pubbliche e private.


Sandro CHERCHI
1911 -1998

Compie studi classici frequentando poi l’Accademia Liguristica di Genova. Si trasferisce a Milano nel 1935, dove conosce Sassu, Birolli, Manzù, Treccani con cui dà origine al movimento artistico "Corrente", tra il 1938 e il 1943. Nel 1946 divenne professore presso l'. Dal 1948 insegna scultura all'Accademia di Torino e partecipa alle Biennali di Venezia, San Paolo diel Brasile e Alessandria d’Egitto. Già dai suoi capolavori giovanili, Cherchi introduce e conserva una linea di sviluppo coerente, toccando un momento culminante nelle opere dell’ultimo periodo con l'impostazione del rapporto uomo-paesaggio.















Cultura e Storia
- Centro Storico
Gastronomi
- Dove Dormire
Ospitalità
- Dove Dormire
Feste e Eventi
- Calendario

Sport
- Passeggiate
Insegne Antiche
Associazioni
Esercizi Commerciali
Sponsor

copyright 2013 © • www.bossolascolanghe.it • webmaster KELARDESIGN.COM • photo BRUNA BIAMINO